Home » Muletto e Avanguardie » Yale e Mora Moravia insieme nella logistica

Yale e Mora Moravia insieme nella logistica

La società della Repubblica Ceca sceglie Yale CZ per la fornitura delle macchine di movimentazione dei materiali, dei sistemi di magazzinaggio e logistica

yale mora moravia

La storia di Mora Moravia parte nel 1825 con la nascita della società, seguita dalla costruzione di una ferriera e uno stabilimento siderurgico nel 1827. Poi il primo prodotto per la casa, una macchina da cucire, realizzato nel 1873, per continuare nel 1902 con la produzione delle brevettate stufe a combustibile solido Meteor. Dal 1908 la produzione è costantemente aumentata, con l’introduzione di nuove apparecchiature come i forni per pasticceria e gli affumicatori per la carne. I primi prodotti a gas per la casa a marchio Mora, sono stati invece realizzati nel 1919 e da allora l’azienda ha iniziato gradualmente la produzione di forni e tanti altri prodotti conosciuti e richiesti sul mercato. Fino al recente trasferimento di importanti progetti di produzione al gruppo Gorenje. “Stiamo introducendo una nuova generazione di prodotti – afferma Tomas Dohnal, a capo del settore investimenti di Mora Moravia -. Abbiamo deciso di adottare una soluzione onnicomprensiva, che non fosse incentrata solamente sugli aspetti di tecnologia ingegneristica e di produzione, ma anche sulla gestione del magazzino e sulla logistica”.

Nuova generazione di forni e cucine e soluzione logistica.

Nel luglio 2015 il via alla produzione della sesta generazione di forni e cucine. “Avevamo deciso che sarebbe stato il più importante cambiamento di produzione dell’ultimo quarto di secolo”, racconta Dohnal. Tra i punti cardine del progetto vanno ricordati la ricostruzione e l’ampliamento del magazzino originale. Per ottimizzare i processi di logistica Mora Moravia ha scelto Yale CZ, in collaborazione con Dexion, per quanto riguarda la fornitura delle macchine di movimentazione dei materiali e dei sistemi di magazzinaggio: oltre all’installazione di una linea di guida a induzione, alla nuova struttura di magazzinaggio è stato fornito un carrello per corsie molto strette (VNA) Yale® MTC13 LWB. Inoltre, a Mora Moravia sono stati consegnati otto carrelli elevatori elettrici Yale ERP16VT da utilizzare nelle nuove linee di montaggio, ma anche due stoccatori con operatore a terra Yale MS16 per le operazioni di prelievo degli ulteriori componenti di produzione. “Queste macchine sono tra le migliori reperibili sul mercato – spiega Ivan Musil, Managing Director di Yale CZ -. Abbiamo ricevuto con grande piacere riscontri assolutamente positivi non solo dalla direzione della società, ma anche dagli stessi operatori”.

Precisa definizione dei requisiti

Mora Moravia ha scelto Yale CZ anche come partner per le trattative, le analisi e l’acquisizione delle informazioni. “Abbiamo condotto un nostro studio di ricerca prodotti, ma volevamo trovare una soluzione che oltre a fornirci i massimi livelli di efficienza risultasse accessibile a livello di investimento”, ricorda il capo del settore investimenti di Mora Moravia. Su tali basi sono stati dunque definiti i termini per la selezione. “L’offerta di Yale CZ era la più vantaggiosa”, precisa.

Il nuovo sistema di magazzinaggio elimina inefficienze e tempi morti

Una scelta che ha soddisfatto le aspettative iniziali. “Il sistema di magazzino non presenta alcun problema ed è completamente conforme alle nostre esigenze – aggiunge Tomas Dohnal -. Le nuove macchine di movimentazione dei materiali e il sistema di magazzinaggio hanno contribuito all’efficienza dei nostri processi di logistica, e il magazzino recentemente modernizzato funge da centro di smistamento. Prima avevamo vari magazzini situati a maggiore distanza dalle linee di produzione, situazione che influiva negativamente sulle tempistiche delle operazioni di logistica. In pratica – conclude Dohnal – il nuovo sistema ci ha consentito di eliminare gli inutili sprechi di tempo”.

Emissioni zero e silenziosità di funzionamento

Rispetto per l’ambiente e stop ai rumori con i muletti elettrici al posto di quelli con motore a combustione interna. “I dipendenti della società apprezzano che i carrelli elettrici siano assolutamente a emissioni zero e silenziosi”, aggiunge Jaromír Dostál, Senior adviser di Yale CZ. Tra i requisiti apprezzati dagli operatori, ci sono anche la reattività e la facilità d’uso dei carrelli, e il loro ridotto raggio di sterzata che gli consente di avere maggiore spazio per manovrare i pallet. “Mora Moravia è per noi una referenza molto importante, siamo felici che il nostro cliente sia soddisfatto della consegna”, conclude Dostál.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google-site-verification: google3d2f88f49ad6a382.html