Trône Seating: un nuovo modo di sedersi

Un sedile in grado di adattarsi alle esigenze di ogni singolo guidatore, diverse modalità di regolazione e una molteplicità di funzioni. Questo è il Trône Memory Seat, il prodotto che ha portato l’azienda alla nomina per “Startup dell’anno agli IFOY AWARDS 2019 

TRÔNE seating

Un gesto semplice come quello di sedersi, se fatto su un supporto poco adeguato, può arrecare diversi danni. Per quanto riguarda il settore dei carrelli elevatori, è facile pensare quanto sia importante avere un sedile comodo e fatto su misura, su cui trascorrere il proprio turno lavorativo e che, magari, ogni tanto ci faccia da sveglia avvisando di “doverci muovere”. Una seduta che agevoli e non distolga la concentrazione dal portare a termine il compito che si sta svolgendo. 

Qui entra in gioco Trône Seating, la startup olandese che ha elaborato un sedile adattivo, in grado di rispettare le esigenze di ogni singolo lavoratore. 

Il sedile del futuro con uno sguardo al passato

Trône Seating è una giovane startup entrata nel mercato relativamente di recente, ma nasce dall’esperienza ultraventennale che il suo ideatore, Frans-Josef van Seumeren, ha acquisito nel tempo durante gli anni trascorsi in SAVAS Seating, azienda fondata nel 1992. Una passione  una conoscenza con radici ben più lontane, ereditate dal padre che, negli anni Sessanta del secolo scorso, inizia svolgere il lavoro di venditore di sedili per camion. 

Un’epoca in cui si preferiva rimpiazzare una seduta rotta con una nuova piuttosto che ripararla. Negli anni Novanta, complice l’implementazione della legislazione sulla sicurezza e sulla salute negli ambienti di lavoro, avviene il cambiamento che ha dato il via a una nuova maniera di pensare e progettare le sedute. Nascono i sedili personalizzati per ogni guidatore e insieme alla TNO (Nederlandse Organisatie voor Toegepast Natuurwetenshappelijk Onderzoek, organizzazione di ricerca dei Paesi Bassi) viene sviluppata una seduta specifica per muletto. 

Molte delle realtà dei trasporti pubblici del mondo si vedono coinvolte in questo momento rivoluzionario e diverse diventano clienti di SAVAS Seating: nasce la sedia James Cook, pensata specificatamente per rispettare gli standard imposti dalle ferrovie, e l’elettrica Livingstone. 

Nel 2016, van Seumeren decide di fare il grande salto e con Trône Seating inizia a sviluppare il proprio sogno: creare una nuova generazione di sedili, con materiali e tecnologie innovativi. Con il suo piccolo team riesce a dar vita a una seduta per muletti moderna, dotata di un memoria, di un software connesso e diverse funzionalità, per garantire un aumento del comfort e della produttività. 

Il carrello elevatore e i rischi di una seduta scorretta

Lavorare comodi è di fondamentale importanza in ciascun settore, ancora di più quando si tratta di dover guidare diverse ore un mezzo come il muletto, spesso sottovalutandone i rischi. Fortunatamente, negli ultimi anni è aumentata l’attenzione verso la salute e la sicurezza sul lavoro, argomento che non deve coinvolgere esclusivamente il datore di lavoro ma anche il lavoratore in prima persona.

Uno degli aspetti cruciali dell’argomento riguarda la prevenzione, in questo caso è facile immaginare i danni dati da una postura scorretta mantenuta per 8 ore di turno lavorativo, data da diversi fattore: nessuna possibilità di regolazione, stile di guida non corretto, poca manutenzione o mancanza di istruzioni per la seduta e per l’uso del mezzo. 

Come prevenire?

A partire da una buona formazione è possibile ridurre la maggior parte dei rischi, ma questo non deve escludere l’assicurare risorse e strumenti di lavoro sicuri, aggiornati a norma di legge. Qui nasce la necessità di elaborare un prodotto pensato specificatamente per questa categoria, per questo Trône Seating ha progettato l’elettrico Trône Memory Seat in due varianti: un sedile a basso schienale e uno a schienale alto per i carrelli elevatori più alti. 

Ogni tipologia possiede la capacità di far raggiungere una seduta ottimale a ciascuno lavoratore, grazie ai quattro motori presenti di default è possibile inoltre soddisfare le esigenze più importanti come il supporto lombare, laterale e l’inclinazione del sedile. 

Tra gli optional, invece, rientrano diverse funzioni selezionabili attraverso il software: la possibilità di impostare fino a 999 profili di seduta personale, il setup automatico tramite smartphone, Digicard o chiave, il monitoraggio dello stile guida con vibrazione e una sveglia, “Now you have to move!”, che ricorda di non rimanere troppo seduti. 

L’innovazione ha premiato l’azienda neerlandese con una nomina per gli IFOY AWARDS 2019 nella categoria “Startup dell’anno”. 

Per maggiori informazioni e rimanere aggiornati sulle novità della’azienda, consultare il sito web www.troneseating.com

Torna su