Ultime notizie
Home » Muletto Sicuro » Transpallet, da Inail una scheda contro gli incidenti

Transpallet, da Inail una scheda contro gli incidenti

Un fact sheet dedicato ai transpallet: lo ha diffuso l’Inail. Prevenire non è mai abbastanza

Inail transpallet incidenti

E’ dedicato ai transpallet e ai rischi in cui possono incorrere gli operatori addetti al loro uso quotidiano, l’ultimo fact sheet pubblicato dall’Inail, l’Istituto nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro.

Sintetica ed essenziale, la scheda sui transpallet è stata curata dai ricercatori del Dimeila -Dipartimento di medicina, epidemiologia, igiene del lavoro e ambientale- e rimanda alla banca dati Infor.Mo, il sistema di sorveglianza nazionale degli infortuni sul lavoro.

I dati. Sono oltre 8 mila i casi catalogati come incidenti mortali e gravi avvenuti nel periodo tra il 2000 e il 2015; all’interno di questa cifra sono compresi anche gli eventi che hanno avuto come coprotagonista il transpallet manuale: sono 58 in tutto, che si possono distinguere in 48 casi gravi e 10 mortali. Una casistica abbastanza esaustiva, a detta degli autori, per avere una panoramica delle criticità più rilevanti poste a base degli incidenti e sulle misure preventive da adottare per evitarli.

Dalla banca dati due esempi significativi di infortunio con transpallet. La nota attinge dal sistema Infor.Mo per trattare due casi di infortunio, uno mortale e l’altro con esito grave, occorsi con l’utilizzo del transpallet. Nel primo esempio viene descritto l’incidente costato la vita a un operatore con carrello manuale, usato in pendenza con la caduta del materiale sul corpo del lavoratore che risultava, tra l’altro, non aver ricevuto un’adeguata formazione professionale. Nel secondo, viene esaminata una dinamica più articolata, comprendente un transpallet elettrico e un carrello elevatore, usati simultaneamente e in assenza di percorsi adeguatamente segnalati, con fratture agli arti inferiori di uno degli addetti coinvolti.

Ad avere la peggio sono spesso i piedi.Come messo in evidenza dai ricercatori, i due esempi riportati nella scheda informatica rappresentano un emblema di quali siano le tipologie di infortunio più comuni quando si lavora utilizzando un transpallet:  caduta dei carichi movimentati, contatti ravvicinati degli strumenti di lavoro tra loro, ma soprattutto urti con parti del corpo umano, quasi sempre i piedi, con conseguenti incidenti e lesioni di varia gravità.

Formazione, dispositivi di protezione, segnalatori acustici: prevenire si può. Prevenire si può, anzi, si deve: ma quali misure si devono adottare? Le misure prevenzionali da mettere in atto sono molteplici; innanzitutto attraverso l’intensificazione dei corsi di formazione: in particolare l’addestramento sulle caratteristiche specifiche delle attrezzature, sulle tecniche di guida e di accatastamento. Altri consigli forniti dal fact sheet riguardano il suggerimento di usare i transpallet sopra superfici lisce e piane, per evitare avvallamenti e conseguenti cadute di materiali trasportati e di adoperare, se disponibili, segnalatori acustici in presenza di persone e lavoratori. Si consiglia, infine, di utilizzare sempre scarpe antinfortunistiche, di guidare i carrelli in avanti, ricorrendo alla marcia indietro solo se necessario, e di abbassare i carichi qualora essi siano di impedimento a una corretta visuale.

google-site-verification: google3d2f88f49ad6a382.html