Home » Muletto e Dintorni » Startup innovative: raggiunta la quota 10.000

Startup innovative: raggiunta la quota 10.000

Sono oltre 10.000 le startup innovative costituite. A fare la parte del leone Lombardia e Lazio, mentre  il settore più interessato è quello tecnologico

startup

Innovazione e impresa sono una accoppiata vincente, come dimostrano i dati pubblicati da InfoCamere sul sito www.startup.registroimprese.it: sono ben 10.027 le società italiane che si dedicano allo “sviluppo, la produzione e la commercializzazione di prodotti o servizi innovativi ad alto valore tecnologico”. Un numero in continua crescita dal 2012, quando in Italia vennero aperte le porte alle nuove realtà imprenditoriali con il Governo Monti, attraverso un complesso di normative per promuovere lo sviluppo tecnologico e l’occupazione, soprattutto giovanile.

Tornando al presente, vediamo quali sono le regioni più attive: la Lombardia e il Lazio si aggiudicano i primi posti rispettivamente con 2.525 e 1.116 imprese innovative, a seguire, Emilia Romagna con 888 aziende e Campania (783).

Per quanto riguarda le città, con 1.769 imprese, vale a dire quasi il 18 per cento del totale,  Milano continua a detenere il record nazionale mentre Roma, in crescita, ha raggiunto da poco le 1007 imprese.

Dai dati riportati emerge un aspetto interessante: la normativa sulle startup è estesa a tutti i comparti economici ma si osserva una prevalenza di quello tecnologico; infatti, il 34,3 per cento delle startup è legato alla produzione di software e il 13,5 per cento alla ricerca e sviluppo, mentre il 18,5 per cento al settore manifatturiero.

Negli ultimi tempi sono sempre di più le imprese che ricorrono alla modalità digitale, quasi duemila, soltanto nel 2018 sono state registrate 953 startup innovative online contro le 896 del 2017. Tra le regioni, la Sardegna ha il tasso di adozione della misura più alto; 7 startup su 10 (70,8 per cento) create online.

Numerose le startup innovative che sfruttano la possibilità di scambiare competenze digitali con le altre aziende, quasi 114  fanno parte di un contratto di rete, particolarmente coinvolte quelle che offrono servizi alle imprese, quasi il 78 per cento.

google-site-verification: google3d2f88f49ad6a382.html