DPI, sanificazioni e credito d’imposta: quali misure?

L’Agenzia delle entrate ha fornito una spiegazione dettagliata delle misure previste dal Decreto liquidità, ecco chi può ottenere le agevolazioni e come

Credito d'imposta, agevolazioni, Agenzia delle entrate

Le misure introdotte dal Decreto Liquidità hanno destato non pochi dubbi, ai quali l’Agenzia delle entrate ha deciso di rispondere con la Circolare numero 9/E soffermandosi su dei punti in particolare e specificando chi può ottenere il credito d’imposta per sanificazioni e acquisto di DPI nei luoghi di lavoro. 

Sospensione dei versamenti di aprile e maggio 2020

Il testo specifica che possono beneficiare di queste agevolazioni tutte le imprese indipendentemente dalla natura giuridica, comprese quelle agricole, ma anche gli enti non commerciali del terzo settore e quelli religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività non in regime d’impresa.  Per poter accedere è necessario superare le verifica dell’effettivo calo del fatturato per aprile e maggio 2020, considerati separatamente, confrontando le entrate dello stesso periodo ma dell’anno precedente. 

Per il mese di aprile si ha diritto alla sospensione dei versamenti anche se il fatturato è diminuito in percentuale minore rispetto a quella prevista dalla norma. 

Nella determinazione del fatturato o dei corrispettivi, bisogna fare riferimento alla data effettiva dell’operazione, così in caso di fattura differita vale la data dei documenti di trasporto. Lo stesso principio è applicabile per le aziende di autotrasporto, anche se le fatture emesse sono state annotate entro il trimestre solare successivo è possibile, infatti, beneficiare delle agevolazioni. 

 Sanificazione e acquisto di DPI nei luoghi di lavoro

Introdotto dal “Cura-Italia”, il credito d’imposta viene rinnovato e ampliato con il nuovo testo. In termini di agevolazione fiscale rientrano le spese sostenute nel 2020 per l’acquisto di dispositivi per la protezione individuale e di altri strumenti utili a limitare il contagio da Covid-19, come barriere e pannelli protettivi. Inoltre, sono inclusi anche i detergenti per le mani e i disinfettanti per la sanificazione degli ambienti lavorativi. 

Per favorire il distanziamento sociale e quindi il rispetto delle misure di contenimento dell’emergenza sanitaria, è possibile trasmettere l’autorizzazione all’accesso della dichiarazione precompilata 730/2020 tramite e-mail, messaggistica istantanea o cloud dell’ufficio Caf o di chi interessato.

Maggiori informazioni sono disponibili consultando il sito dell’Agenzia delle entrate in cui sono disponibili i documenti ufficiali

 

Torna su