Magazzini più sicuri con il sistema RackEye di A-SAFE

Il sensore permette di monitorare in tempo reale le scaffalature, fornendo segnalazioni sugli eventuali incidenti, riducendo i costi di manutenzione e migliorando la sicurezza

A-SAFE, RackEye, sensore, Magazzini più sicuri

Un “occhio elettronico” che osserva, allerta e previene. Con queste parole può essere descritto RackEye, il nuovo sistema di sicurezza lanciato da A-SAFE, azienda specializzata nella produzione e commercializzazione di barriere di sicurezza, per monitorare le scaffalature all’interno dei magazzini. 

Come è facile immaginare, i magazzini sono diventati luoghi affollati dove i mezzi da lavoro e gli operatori sono a stretto contatto e le distanze sono sempre più ridotte; con meno spazi di manovra i carrelli elevatori possono andare a sbattere contro le scaffalature, danneggiandole. 

“Gli impatti possono causare interruzioni delle attività, mancati KPI e un aumento dei costi di manutenzione – spiegano da A-SAFE -. Ma come possiamo sapere che si è verificato un incidente? RackEye offre una soluzione a questo problema notificando immediatamente quando si verifica un impatto e permettendo di monitorare le condizioni delle scaffalature in magazzino 24 ore su 24, 7 giorni su 7”. 

Il nuovo sistema di A-SAFE permette di tenere sotto controllo in tempo reale le scaffalature, fornendo segnalazioni sugli eventuali incidenti. Ma non solo. I dati raccolti a lungo termine da RackEye permettono di aver un quadro complessivo degli impatti all’interno dei magazzini, ma anche di misurare le prestazioni dei conducenti, identificare potenziali problematiche e, di conseguenza, consente di riorganizzare i team di lavoro. 

Una panoramica complessiva delle scaffalature, quindi, totalmente a portata di click visto che il controllo può avvenire direttamente da smartphone, tablet o computer. In particolare RackEye permette di semplificare la gestione e la misurazione dei KPI – Key Performance Indicatori di magazzino grazie ai report che evidenziano gli impatti sui montanti degli scaffali: consente di identificare corsia, turno, data e ora in cui si è verificato lo scontro, fornendo informazioni dettagliate sugli urti a cui sono sottoposti gli scaffali dal momento dall’installazione del sensore. 

Tutto ciò permette di rilevare i punti di impatto più vulnerabili e potenziare la manutenzione. L’App installata sul telefono consente di essere informati immediatamente in caso di impatto e fornisce dettagli come l’identificazione del montante in cui si è verificato l’urto, semplificando così l’ispezione e la manutenzione. In caso di incidente, l’App guiderà il responsabile di magazzino attraverso il processo di controllo e di segnalazione dei danni secondo le norme EN15635:2008. Il sensore avvisa il responsabile di magazzino di tutti gli impatti subiti dalle scaffalature, incoraggiando i conducenti dei carrelli elevatori a prestare maggiore attenzione. Tutti questi fattori si traducono in una riduzione dei costi di manutenzione e una maggiore sicurezza all’interno dei magazzini. 

 

Torna su