Ultime notizie
Home » Muletto e Avanguardie » LINDE K – UOMO IN QUOTA K

LINDE K – UOMO IN QUOTA K

La società del gruppo Kion presenta il nuovo carrello trilaterale combinato K uomo a bordo, ottimizzato per lavorare nelle corsie strette e capace di raggiungere 18 metri di altezza

narrow aisle linde k uomo in quota k trilaterale combinato corsie strette

Il nuovo trilaterale di Linde “uomo in quota K” è ottimizzato per lavorare in modo efficace nelle corsie strette che si trovano nei magazzini VNA (dall’inglese “very narrow aisle”, vale a dire corridoi molto stretti), grazie alla sua architettura compatta e alla capacità di raggiungere altezze fino a 18 metri, utili nelle operazioni di picking e di movimentazione.

L’ultima uscita della casa produttrice tedesca nasce dalle esigenze di trasformazione dei magazzini che, date le richieste sempre più pressanti di un mercato online che cerca di raggiungere il consumatore ogni giorno più rapidamente, hanno la necessità di stoccare in deposito un numero sempre maggiore di merci; per far fronte a questo bisogno, si sono dovuti evolvere, diventando più compatti e con scaffalature più alte.

Caratteristiche del nuovo K:

Dynamic reach control

È una estensione delle tre varianti del sistema di assistenza Linde System Control, che permette di ridurre le oscillazioni laterali del montante ad altezze di sollevamento elevate, il cosiddetto effetto camino, che rende più difficili le operazioni di deposito e prelievo delle merci dalle scaffalature. Il sistema garantisce un movimento del montante preciso, mantenendo costante la distanza dallo scaffale.

Consolle di Comando 

Presenta un display a colori di alta qualità che permette all’operatore di avere chiare le informazioni importanti, come la velocità di trazione, l’altezza di sollevamento, l’angolo di sterzata e l’orario. Inoltre, la consolle è costruita in modo tale che l’operatore possa posizionare le mani in modo naturale per tutto il tempo e anche le distanze dai comandi sono ottimizzate per ridurre l’affaticamento. Ulteriore aspetto, è la possibilità di regolare con una sola mano l’altezza, l’angolo e l’inclinazione del braccio della consolle.

Sollevamento principale e supplementare

Grazie alla possibilità di sollevare o abbassare contemporaneamente il sollevamento principale e quello supplementare, i carichi si possono depositare più rapidamente, infatti, così l’operatore può andare a una determinata baia di stoccaggio alta o bassa con un solo movimento. Infine, i comandi simultanei permettono di posizionare le forche in modo più veloce.

Stabilità del montante migliorata

Il nuovo K arriva ad un’altezza massima di sollevamento di 18 metri, questo grazie ad una stabilità del montante migliorata.

Visibilità

Il vetro anteriore è più alto di 80 mm rispetto al precedente, aumentando, rispetto al passato, del 20 per cento la visuale sulle forche e incrementando la sicurezza delle movimentazioni. Inoltre, su richiesta, è possibile inserire uno specchietto modulare che fornisce assistenza durante la retromarcia e la traslazione in corridoio.

Consumi

Il sistema idraulico ottimizzato del K, assieme ad una miglior distribuzione dei pesi, un nuovo sistema di controllo intelligente di trazione e sollevamento, permettono una potenza del 5 per cento maggiore rispetto al modello precedente, oltre ad un consumo del 25 per cento in meno di energia.

Sicurezza

Una maggior sicurezza è garantita dalla presenza di un allarme di emergenza in grado di rilevare comportamenti anomali e avvertire l’operatore del pericolo sia con un segnale acustico sia con uno visivo; tutto questo, in parte, grazie ai vari sensori della consolle di comando, di quella laterale e del pedale presenza operatore. Inoltre, i cancelletti laterali sono controllati elettronicamente e devono essere chiusi a partire da un’altezza della pedana di 1,2 metri.

Optional e Personalizzazione

Il nuovo trilaterale Linde si presenta come un modello dotato di una modularità completa. Sono possibili 10 milioni di diverse configurazioni, tra cui 64 altezze e diversi design del montante, vari motori e batterie differenti per velocità di trazione e sollevamento, cinque diverse larghezze di telaio, una cabina che può essere personalizzata in base alle esigenze di utilizzo e all’ambiente di lavoro, la consolle di comando può essere sia in formato standard che divisa, in quest’ultima tutti i comandi sono integrati sul bracciolo sinistro e destro, in modo da semplificare il lavoro dell’operatore nelle movimentazioni intensive dei carichi.

Per quanto riguarda la sicurezza, è presente un impianto opzionale di protezione delle persone che analizza la corsia tramite un radar e arresta il carrello nel caso in cui pedoni si trovino in vicinanza, assieme ad un ulteriore sistema, chiamato Aisle Safety Assistant, che, tramite transponder RFID riconosce gli ostacoli presenti nelle corsie e in tali punti limita automaticamente velocità di marcia e sollevamento, oltre all’altezza di sollevamento o l’estrazione delle forche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

google-site-verification: google3d2f88f49ad6a382.html