La potenza è di serie con i nuovi carrelli elevatori Hyster XT

Prestazioni durature e affidabili, versatilità e massima produttività da inizio a fine turno fanno di questa serie la soluzione ottimale per la maggior parte delle applicazioni quotidiane

CLS, azienda di servizi dedicata alla vendita, al noleggio, e all’assistenza di carrelli elevatori, macchine e attrezzature per la logistica, annuncia la disponibilità sul mercato dei nuovi carrelli elevatori Hyster XT, di cui è dealer esclusivo in Italia.
La nuova serie di carrelli elevatori Hyster® H2.0–3.0XT con portata da 2 a 3T è in grado di offrire massima potenza e produttività da inizio a fine turno a un costo di esercizio estremamente basso e va a completare la già ampia gamma di soluzioni offerte da CLS per la logistica, l’industria e la grande distribuzione.
“La serie XT rappresenta la soluzione ottimale per la maggior parte delle applicazioni quotidiane, sia in ambienti esterni che in ambienti interni e siamo certi che la sua versatilità la renderà estremamente popolare,” afferma Paolo Vivani, Amministratore Delegato di CLS.
Progettata utilizzando componenti Hyster® di comprovata qualità, la serie XT offre prestazioni durature e affidabili, comfort per l’operatore, velocità di sollevamento e abbassamento senza paragoni oltre a versatilità e facilità di manutenzione.

I carrelli possono essere equipaggiati con motore diesel, gpl o a doppia alimentazione con limitati costi di gestione e manutenzione. In particolare il motore diesel Yahmar con trasmissione powershift a 1 velocità garantisce brillanti prestazioni, un’accensione immediata e affidabile anche a freddo, grazie alle candelette di accensione rapide, e uno scarico più pulito, grazie alla possibilità di gestire la fasatura dell’iniezione in funzione della temperatura acqua. Il motore opzionale PSI 2.4L a GPL, offre invece due diverse modalità di utilizzo: HiP per prestazioni di massimo livello e massima produttività ed ECO-eLo per il miglior risparmio di carburante (ridotto di oltre il 30%). In questo modo gli operatori possono scegliere la modalità più adatta alle loro esigenze. Il convertitore catalitico opzionale permette inoltre di abbassare ulteriormente le emissioni.

I motori impiegati sulla serie XT sono completamente isolati dal telaio e dalla cabina per mezzo di appositi ammortizzatori. Questo riduce la rumorosità e i livelli di vibrazione, assicurando un notevole comfort all’operatore. Grazie al sedile completamente ammortizzato regolabile a seconda dell’altezza e del peso, gli operatori possono inoltre lavorare con grande comodità e restare produttivi per l’intero turno di lavoro.  La serie XT offre infine comandi ergonomici e un ampio e basso gradino che consente di salire e scendere agevolmente dal carrello.

I carichi possono essere movimentati rapidamente e in tutta sicurezza grazie ai potenti impianti idraulici e di trazione, dotati di raccordi con tenuta ad O-ring frontali per evitare perdite d’olio. I larghi canali dei montanti Hyster e le traverse in pressofusione assicurano un’eccellente rigidità e flessione ridotta anche a sollevamenti elevati. La serie si contraddistingue per le velocità di sollevamento e abbassamento con carico e senza carico tra le più rapide per motori diesel. Inoltre grazie al nuovo design del montante offre un’ottima visibilità durante tutte le fasi di lavoro.

La serie XT permette ampie possibilità di personalizzazione per adattare il carrello alle specifiche esigenze di ogni ambiente di lavoro montando un vasto assortimento di attrezzature e accessori disponibili su richiesta. L’importante impianto idraulico consente un preciso e rapido posizionamento dei carichi in tutte le applicazioni.

In fase di progettazione grande attenzione è stata dedicata alle esigenze di manutenzione. Infatti la manutenzione della serie XT è semplice e tutti i componenti sono facilmente accessibili. Inoltre il sistema di filtraggio degli olii, i robusti pacchi frizione, i connettori elettrici sigillati, le tenute ad O-ring frontali e i sensori ad effetto Hall consentono una consistente riduzione delle esigenze di manutenzione e, quindi, un’incisiva ottimizzazione dei costi di gestione.

 

 

 

Torna su