Il 2020 di Bravi Platforms si conclude con un incoraggiante segno più

L’anno appena trascorso non ha scoraggiato l’azienda italiana specializzata nella produzione di piattaforme mobili, ora impegnata nel consolidare le basi per continuare a crescere

piattaforme mobili

Rallentare, reinventarsi, ripianificare e ripartire: tante le aziende che sono dovute passare attraverso questi step per poter far fronte alle difficoltà portate da un 2020 poco clemente.

Tra queste, Bravi Platforms ha dimostrato l’importanza di continuare a fare dei passi in avanti, non importa quanto piccoli, durante i periodi critici. L’impresa italiana specializzata nella produzione di piattaforme mobili, infatti, non ha raggiunto il fatturato previsto nel 2019 ma è riuscita comunque a chiudere l’anno con un incoraggiante +0,07 per cento. Sempre in materia economica, sono stati fatti degli investimenti significativi dal punto di vista produttivo per dimezzare le tempistiche della realizzazione dei prodotti e aumentare la qualità degli stessi, come l’acquisto del macchinario per automatizzazione la lavorazione e l’assemblaggio in linea delle colonne. Nonostante la pandemia sono stati centrati diversi obiettivi; ad esempio nel 2020 è stata avviata l’attività produttiva del comparto dedicato alla carpenteria in ferro, presso lo stabilimento inaugurato a ottobre 2019.

Non sono neanche mancati i nuovi arrivi nel catalogo Bravi: il team R&D (Research and Development) ha continuato a sviluppare e a progettare fino ad arrivare alla realizzazione, rendendolo conforme alla normativa ANSI A92.20, del modello LEONARDO HD, la piattaforma mobile dotata di diversi optional come la predisposizione ai telematics con connessione in CAN_BUS per facilitare l’interscambio di dati; la gamma dei commissionatori è stata ampliata con il lancio del modello Sprint LP per la movimentazione di pacchi ingombranti e porte. Ma altri aspetti sono stati curati durante questi dodici mesi, come la formazione e il perfezionamento dei comparti, che hanno reso possibile non solo la realizzazione di questi obiettivi, ma anche la pianificazione per il nuovo anno. Infatti, tutto il personale, nuovo e storico, ha potuto affinare le proprie conoscenze grazie all’aiuto di consulenti esperti del settore e il Team Bravi si è così consolidato nei reparti Qualità, Produzione/Organizzazione e Commerciale.

I progetti per il 2021

Alla fine di ogni anno si guarda sia al passato, sia al futuro e Bravi ha scelto di continuare ad alimentare questa crescita progressiva con consapevolezza: conscia del fatto che i prodotti sviluppati occupino attualmente un spazio ridotto sul mercato, l’azienda ha deciso di non introdurre nuovi modelli ma di ampliare la gamma degli accessori creati per le macchine già in commercio. Inoltre, il prossimo marzo verrà raggiunta la certificazione ISO 9001 per la quale i lavori sono iniziati nel 2020.

piattaforme mobili

 

Torna su