CHEP vince per la quinta volta il premio EcoVadis

L’azienda specializzata in soluzioni per la supply chain è stata premiata per la responsabilità sociale d’impresa dall’agenzia di rating indipendente 

Chep Europe, riconoscimento, azienda, EcoVadis

Il duro lavoro paga sempre. Lo dimostra CHEP Europe, azienda specializzata in soluzioni per la supply chain, che per il quinto anno consecutivo ha ottenuto l’EcoVadis Gold Recognition Level, il premio per l’impegno e gli obiettivi raggiunti nel campo della sostenibilità, che l’azienda del Brambles Group ha guadagnato anche grazie alla scelta di adottare un modello di condivisione e riutilizzo per la consegna di pallet, casse e contenitori.  

Geraint Thomas, Sustainability Director di CHEP Europe, ha dichiarato: “Siamo estremamente orgogliosi di aver ottenuto questo ulteriore riconoscimento per tutti gli sforzi compiuti in materia di responsabilità sociale d’impresa, un impegno che guida da sempre ogni aspetto della nostra attività. In quanto pionieri dell’economia circolare, abbiamo sempre provveduto all’eliminazione dei rifiuti nell’ambito della supply chain. Il nostro impegno contribuisce a proteggere le foreste e a ridurre l’utilizzo delle discariche. Riconosciamo che la condivisione e il riutilizzo delle nostre limitate risorse rappresenta la strategia corretta a livello comunitario.  Solo l’anno scorso, le nostre attività hanno consentito una riduzione dei rifiuti e delle emissioni di CO2 per importi pari rispettivamente a 1,3 e 2 milioni di tonnellate e permesso di salvare 1,7 milioni di alberi. Possiamo inoltre contare su un ampio programma di volontariato, che offre ai dipendenti l’opportunità di dedicare tre giorni lavorativi all’anno ad attività di questo tipo. Nel 2019, il numero di ore di volontariato svolte a livello globale è stato pari a 21.600”.

Inoltre, il Gruppo ha recentemente ottenuto il titolo di azienda più sostenibile al mondo da Barron’s con una pubblicazione a cura di Dow Jones. Ma non solo: l’impresa rientra tra i firmatari del programma Global Compact delle Nazioni Unite e ha elaborato una serie di punti per il 2020 in linea con gli obiettivi dell’ONU per lo sviluppo sostenibile. 

Per le 60.000 aziende analizzate in 198 categorie, EcoVadis ha applicato standard internazionali di responsabilità sociale d’impresa come la Global Reporting Initiative, lo United Nations Global Compact e la normativa ISO 26000.  

Torna su