Borsino immobiliare della Logistica 2019

Un settore non solo in crescita, ma anche in mutazione. A dirlo, i dati emersi dal report logistico di World Capital. L’Italia conferma la sua attrattività

Borsino Immobiliare, Logistica, World Capital, Nomisma

Numeri più che positivi per il settore immobiliare logistico italiano che riconferma il trend generalmente positivo anche nel secondo semestre del 2019, con valori di locazione pressoché stabili e in lieve crescita nelle piazze più attrattive.

E’ questo lo scenario che emerge nel nuovo Borsino Immobiliare della Logistica H2 2019, il report realizzato da World Capital in collaborazione con Nomisma. A salire sul gradino più alto del podio è Firenze, prime rent italiana, dove un immobile logistico di nuova costruzione registra un canone di locazione di 63 €/mq/anno. A tallonarla a brevissima distanza, 62 €/mq/anno, è Genova. Buoni anche i prezzi di Milano e Prato (57 €/mq/anno) e Roma (55 €/mq/ anno).

Numeri più contenuti per gli immobili usati, dove la media nazionale risulta di 42,08 €/mq/anno: la città più cara è Milano, con 50 €/mq/anno, seguita da Bologna e Genova con 46 €/mq/anno. Valori inferiori per centro e isole con Caserta, Napoli, Palermo e Sassari che registrano una cifra di 40 €/mq/anno. Facendo un confronto con il mercato estero, la piazza di Milano risulta attrattiva quanto i suoi competitor mondiali, condividendo la stessa posizione di San Pietroburgo e Praga. Subito dopo troviamo Roma con un valore di  locazione di 55 €/mq/anno, che supera Riga con 51 €/mq/anno.

Spostandoci sul fronte investimenti logistici, nel 2019 l’Italia ha registrato una crescita di oltre il 15 per cento rispetto all’anno precedente, generando un volume totale di investimenti di oltre 1,3 miliardi di euro, segnando il 14,4 per cento dei volumi totali degli investimenti immobiliari europei, evidenziando una crescita del +2,5 per cento. Le transazioni logistiche stimate nel secondo semestre 2019 coprono circa 484.100 mq di superfici e il maggior numero di asset venduti è stato registrato a Milano.

Anche in questa edizione viene dato spazio all’Italy2Invest di Nomisma, lo strumento innovativo per misurare il grado di attrattività di una location e il suo potenziale in termini di investimento logistico (con un punteggio da (0 a 100). 

Sul podio si collocano Milano, col punteggio di 72.7, seguita da Roma con 68,5 e Firenze con un valore di 66.5. Il settore logistico italiano è in fase non solo di forte crescita, ma anche di cambiamento. 

Il boom della logistica in Italia è riconducibile a diversi motivi: rendimenti maggiori per gli investitori logistici, ma anche canoni di locazione inferiori per gli utilizzatori. Inoltre l’attuale bassa penetrazione dell’e-commerce sul territorio nazionale rende l’Italia una piazza interessante per gli sviluppi dei prossimi anni, in cui la crescita del commercio elettronico eserciterà una forte propulsione alla logistica.

Anche la logistica dell’ultimo miglio e la posizione dei capannoni in prossimità dei centri cittadini riconfermano la loro importanza nel panorama nazionale, elementi indispensabili per garantire consegne veloci e puntuali.

Versatilità e flessibilità sono le parole chiave che contraddistinguono le ricerche degli investitori, orientati verso asset logistici capaci di far fronte a qualsiasi esigenza. Il concetto di “big box” fa dunque spazio a degli immobili più strutturati, il cui valore tenderà a crescere sempre più nei prossimi anni. 

Vuoi avere il Borsino Immobiliare della Logistica H2 2019? Scrivi una mail a World Capital all’indirizzo info@worldcapital.it

Ti è piaciuto l’articolo?  Lo trovi anche sul PDF di Muletti Dappertutto n.1/2020 con tanti altri contenuti! Scaricalo qui

Nomisma

Torna su