Home » Muletto e Dintorni » Bauli e CHEP: la collaborazione vincente

Bauli e CHEP: la collaborazione vincente

Iniziata nel 2015, la collaborazione tra Bauli e CHEP continua a vele spiegate;  il focus: la massima efficienza dei processi

Chep pallet

 

 

La collaborazione tra il gruppo dolciario Bauli e CHEP prosegue inarrestabile, anche grazie agli ottimi risultati ottenuti in passato: dal 2015, infatti, i prodotti dell’azienda vengono trasportati in tutta Italia attraverso i pallet CHEP, che garantiscono un rifornimento costante e rapido sul territorio nazionale.

L’ottimizzazione della supply chain è un punto cruciale per tutte le aziende, specialmente per quelle che, come Bauli, sono caratterizzate da flussi logistici molto intensi: l’azienda dolciaria italiana necessita di circa 2 milioni di pallet l’anno, ecco perché la scelta di un partner logistico si è rivelata fondamentale.

“Vincendo la sfida di una campagna produttiva così articolata, CHEP è divenuta parte della spina dorsale della supply chain di gruppo Bauli – afferma Marco Geremia, Sales Manager di CHEP Italia – estendendosi anche a monte sui flussi inbound con nuove efficienze, grazie all’integrazione di fornitori e partner produttivi, nel rispetto dei più rigorosi standard di sicurezza alimentare”.

La collaborazione

La scelta degli Euro pallet CHEP 1200 x 800 in legno, circa 440.000, è stata calibrata in base alle esigenze dell’azienda: sono infatti robusti, ideali per carichi pesanti e utilizzabili in tutta Europa per i circuiti distributivi. Con il passaggio al sistema CHEP, Bauli ha registrato un risparmio pari al 79 per cento di legno, salvando 418 alberi e il 62 per cento in emissioni di CO2.

Come detto, sono stati ottenuti dei risultati importanti, sia a livello ambientale sia in termini logistici: risparmiando ma allo stesso tempo ottimizzando la movimentazione dei prodotti, che si rivela frenetica soprattutto in periodi specifici dell’anno.

“Per aziende con delle stagionalità importanti come Bauli, la flessibilità e la rapidità al minore costo possibile sono fattori molto importanti nella scelta dei fornitori, soprattutto nei periodi di Natale e Pasqua. CHEP ha dimostrato d’essere in grado di sviluppare una proposta modulabile per adattarsi alla complessità della nostra supply chain nel pieno rispetto dell’ambiente” spiega Alfredo Ferraresi, Direttore Supply Chain di Bauli.  CHEP pallet Alfredo Ferraresi, Direttore Supply Chain di Bauli

“La sostenibilità fa parte del DNA di CHEP, e lavorare al fianco di una realtà come Bauli, che mette tale argomento al centro della propria strategia, è per noi motivo di grande orgoglio” commenta Marco Moritsch, General Manager di CHEP Italia. “Il nostro modello circolare di pallet pooling garantisce efficienza nella gestione del parco pallet e qualità del pallet per la gestione di processi sempre più automatizzati. Nella consolidata collaborazione con Bauli guardiamo sempre più al futuro, puntando a ridurre le inefficienze dei trasporti grazie alle nostre Soluzioni di Trasporto Collaborativo, ed innovando il punto vendita con le nostre Last Mile Solutions che consentono di aumentare la visibilità dei prodotti in-store, accelerando le vendite”.

 

chep bauli supply chain palletAlfredo Ferraresi commenta: “il gruppo Bauli è fortemente impegnato nella riduzione dell’impatto ambientale della propria attività di business e di quella dei propri fornitori, che vengono scelti sulla base di una reale condivisione di valori. Oltre a proporre soluzioni di pallet pooling robuste, di alta qualità ed ecosostenibili, CHEP ci ha consentito di compiere sensibili passi avanti in termini di efficienza dei flussi. La partnership, che era iniziata con i prodotti da ricorrenza, si è progressivamente ampliata integrando anche i clienti che acquistano i prodotti fabbricati da noi ma con il loro marchio. CHEP non è un semplice fornitore per noi, ma un partner solido con lo sguardo sempre al futuro”.

google-site-verification: google3d2f88f49ad6a382.html