1819-2019: Dematic, due secoli di innovazione

Festeggia 200 anni l’azienda del gruppo Kion fornitrice mondiale di tecnologie automatizzate integrate, software e servizi per l’ottimizzazione della supply chain. Nata dall’intuizione di Harkort e Kamp, unisce tradizione e innovazione

Dematic, Gruppo Kion

Il 2019 segna un anniversario importante per Dematic, fornitore mondiale di tecnologie automatizzate integrate, software e servizi per l’ottimizzazione delle supply chain, che ha festeggiato i 200 anni di attività: nel 1819, infatti,  Friedrich Wilhelm Harkort e Heinrich Kamp danno vita all’azienda. Inizialmente battezzata col nome di Mechanische Werkstätten Harkort & Co, la società di Wetter an der Ruhr ha avuto nel tempo uno sviluppo costante, strettamente legato alle conquiste della Rivoluzione industriale; un crescendo che l’ha portata negli anni a divenire uno dei fornitori di spicco della tecnologia di automazione, entrando a fare parte del Gruppo Kion.

“Dematic vanta una lunga tradizione. La nostra forza innovativa ha decisamente plasmato la storia dell’intralogistica. Continuiamo a sostenere quest’affermazione oggi”, spiega Rainer Buchmann, CEO di Dematic Central Europe. Nell’anno della nascita la Mechanische Werkstätten Harkort & Co sviluppa la prima gru alimentata a vapore, diventando una delle prime aziende a realizzare motori a vapore in Germania; la produzione in serie dei primi apparecchi di sollevamento da interno comincia invece a partire dal 1840. Ma è nel XX secolo, con l’exploit del motore a combustione a scapito di quello alimentato a vapore, con l’industria chimica e l’ingegneria meccanica come settori trainanti, che l’azienda conosce un vero e proprio boom. E’ così che nel 1900 nasce Stöhr Elevatorenfabrik, specializzata nella produzione di nastri trasportatori continui, montacarichi ed elevatori a tazze. Nel 1922 la compagnia costruì il primo nastro trasportatore portatile. Alcuni anni dopo, Stöhr sviluppa una innovazione che permette un uno completamente nuovo e più efficiente degli spazi nelle industrie: la prima tecnica di convogliamento sospesa.

Gli anni ’60 del secolo scorso portano un cambiamento epocale per l’azienda, già a partire dal nome che diventa Stöhr Förderlagen Salzer GmbH. Viene costruito il primo magazzino completamente automatizzato per Bertelsmann – permettendo così di lavorare 15 mila ordini al giorno- e nel 1968 il core business aziendale passa dall’essere dei fornitori di prodotti a diventare fornitori, a tutti gli effetti, di soluzioni. Obiettivo: offrire ai clienti sistemi completi per i propri processi gestionali.

L’inizio del nuovo millennio segna la nascita della Dematic GmbH & Co. KG come impresa indipendente e l’arrivo di Dematic MultiShuttle, il sistema che esegue lo stoccaggio, il buffering e il sequenziamento dei prodotti tra le scorte di magazzino, oltre al prelievo e allestimento di ordini. Focus della quarta Rivoluzione industriale sono i sistemi cyber fisici (CPD, acronimo dell’inglese cyber-physical systems) che assicurano il controllo dinamico decentralizzato e collegamento in rete di tutti i componenti tramite Internet, computer portatili e cloud ed è in questo settore che Dematic continua a distinguersi presentando soluzioni innovative.

Oggi Dematic rappresenta uno dei principali fornitori delle tecnologie di automazione integrata, software e servizi per l’ottimizzazione della supply chain. Il suo segreto sta nel riuscire a restare al passo con le esigenze dei clienti, anticipando le tendenze, ma non solo. In Dematic anche il fattore umano ha un ruolo di primo piano, come evidenziano le parole di Buchmann.

“Il maggior successo della nostra azienda, comunque, è il fatto che abbiamo sempre avuto successo nell’influenzare il mercato in maniera innovativa e nel mantenere impiegati sia qualificati sia fedeli. Senza loro non avremmo potuto celebrare il nostro 200esimo anniversario quest’anno”, dice Buchmann “nel corso degli anni la nostra società ha dato valore all’integrità, alle collaborazioni, al coraggio ed eccellenza che ci hanno sempre contraddistinto”.  automatizzate

 

Torna su