UA-128299151-1
Ultime notizie
Home » Muletto Sicuro » Tecnostress: la salute del lavoratore e la produttività aziendale

Tecnostress: la salute del lavoratore e la produttività aziendale

La salute del lavoratore e la produttività aziendale sono fattori strettamente correlati

salute del lavoratore

In passato questo concetto era piuttosto sottovalutato e i rischi contemplati erano esclusivamente di natura fisica. Le normative in materia di sicurezza e salute delle risorse umane hanno raggiunto livelli ottimali, e si sono estesi alla sfera psicologica e sociale. Oggi le tematiche inerenti la psicologia del lavoro sono più che mai al centro della tutela della salute del lavoratore.

Il fenomeno tecnostress in realtà fu descritto oltre 30 anni fa dallo psicologo americano Craig Broad nel libro “Tecnostress: the human cost of computer revolution” (1984). Lo definì un disturbo causato dall’incapacità di gestire le moderne tecnologie informatiche. I sintomi da tecnostress sono l’irritabilità, l’ansia, l’insonnia, l’affaticamento fisico, le disfunzioni ormonali e i disturbi dell’umore, le conseguenze in ambito lavorativo gravano pesantemente sull’equilibrio psicologico ed emotivo dei lavoratori.

L’uso abituale e prolungato di sistemi informatici e internet determinano a livello cognitivo un sovraccarico caratterizzato da un’elevata quantità e velocità di dati difficilmente gestibili. Anche la memorizzazione stessa delle informazioni è compromessa e la formazione del “ricordo” risulta più difficile. Il tecnostress è riconosciuto tra le malattie professionali, il controllo e la prevenzione sono dal 2008 con il D.lgs 81 supportati dall’obbligo di valutazione dello stress da lavoro correlato. Il processo di valutazione del rischio prevede di identificazione delle fonti di stress nell’ambiente di lavoro, attraverso l’utilizzo di indicatori relativi al contesto lavorativo e mansioni. Il D.lgs 81 del 2008 costituisce il Testo unico per la sicurezza sul lavoro e contiene tutte le disposizioni a cui aziende e lavoratori devono attenersi e adempiere in materia di sicurezza.

Adattare il lavoro all’uomo e non l’uomo al lavoro, nel settore carrelli elevatori e logistica, potrebbe risultare una filosofia distante dagli obbiettivi aziendali, in realtà gli investimenti delle aziende in tal senso risultano strategicamente vincenti.

Il benessere e la serenità del clima aziendale sono direttamente proporzionali alla produttività e al successo della stessa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *